mercoledì 31 ottobre 2012

RECORD BONELLIANI: 20.000 VOLTE FERRI

di Saverio Ceri

L’avventura Spedizione all’inferno, serializzata sugli ultimi tre albi di Zagor e firmata dalla coppia Mignacco-Ferri, oltre a essere un'omaggio a Mister No e al suo creatore, si segnala anche per un altro motivo: con questo episodio Gallieno Ferri ha raggiunto e superato quota 20.000 tavole zagoriane. Si tratta ovviamente dell’ennesimo record per l’inossidabile illustratore ligure, che nella sua prolifica professione ne ha battuti moltissimi e ne detiene tanti.  Ventimila tavole vuol dire realizzare mediamente una tavola al giorno, domeniche e festivi compresi per cinquantacinque anni consecutivi. Pochi disegnatori al mondo hanno legato così tanto la propria storia di autore a un personaggio, da potersi vantare di aver realizzato un numero così elevato di pagine di una sola serie.

Gallieno Ferri, il "Superman" bonelliano.
Pochi o… nessuno?

Mi sono messo a pensare quale disegnatore potrebbe aver fatto quanto o più di Ferri per un solo eroe; sicuramente nessuno tra i bonelliani  può vantare altrettanto. L’unico autore più prolifico di Ferri, il compianto Francesco Gamba, ha  al massimo realizzato poco meno di quindicimila tavole per il suo Piccolo Ranger.  Non sono così esperto di Diabolik o Alan Ford per sapere se qualche disegnatore ne ha realizzato almeno 170 albi, ovvero circa 20000 pagine, anche se le tavole del formato pocket sono assimilabili a una mezza tavola bonelliana, quindi per reggere il confronto con Ferri bisognerebbe avessero nel curriculum almeno 340 albi. Non so, ma non credo, che ci siano autori disneyani che abbiano dedicato a uno solo dei charachter della propria scuderia così tante tavole. Così come non mi vengono in mente disegnatori statunitensi che possano aver realizzato quasi mille albi (tanti ne servirebbero, vista la lunghezza media di un comic book) di un singolo personaggio. Il mondo franco-belga sicuramente non viaggia a questi ritmi. Tra i sudamericani mi viene in mente l’accoppiata Dago-Gomez, ma non supera, a oggi, le diecimila tavole. Forse nell’universo dei manga potremmo trovare qualche autore che ha un simile primato, pur considerando che  le dimensioni della tavola e il gran numero di collaboratori che i mangaka più illustri hanno, aiuta moltissimo a raggiungere cifre record. 
A voi viene in mente qualcuno?

Saverio Ceri


P.S. Per la cronaca la tavola numero ventimila è quella di pagina 19 dell’albo Labirinto verde: Zagor non vi appare, in compenso vi è un Cico in gran forma, protagonista dell’ennesima gag della sua carriera.

P.P.S.  Altro piccolo record: quest’avventura di Zagor si è meritata ben 3 post di Dime Web: dubito che in futuro accadrà altrettanto per qualsiasi altra avventura!

N.B. Trovate altri dati bonelliani sulla nostra rubrica Diamo i numeri.

14 commenti:

  1. Francesco Manetti31 ottobre 2012 09:26

    Per Diabolik aspettiamo risposte da qualche super-appassionato del super-ladro. Si tratta però di un pocket dove una tavola corrisponde - più o meno - a una striscia bonelliana in quanto a vignette (e in quanto a lavoro "fisico" del disegnatore).
    Lo stesso discorso vale per Alan Ford: due vignette a tavola per 120 tavole ad albo. A tutt'oggi Perrucca ha disegnato 241 albi e dunque 28920 tavole, che corrispondono però a 9640 tavole bonelliane standard di 6 vignette ciascuna. E' anche vero che Perrucca ha coperto questo immenso lavoro in "soli" 26 anni e mezzo, dal 1986 al 2012, e dunque anche lui ha realizzato come Ferri quasi 6 vignette al giorno (festivi compresi) dall'inizio della sua carriera bunkeriana. D'altra parte, da diversi anni, Perrucca ha realizzato spesso le sole matite dell'albo, inchiostrate da altri...
    Rispetto dunque ad Alan Ford e Perrucca, lo zagoriano Ferri, avendo avuto il privilegio "storico" di aver iniziato prima, mantiene il record, ma il bravissimo Perrucca - essendo anche copertinista ufficiale della serie - segue la stessa strada del ligure, in quanto a identificazione autore/personaggio.

    Francesco Manetti

    RispondiElimina
  2. Grande maestro Ferri! Per come l'ho visto di recente secondo me ha intenzione di raddoppiare questo record... ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E fa ancora il rafting!

      Francesco Manetti

      Elimina
    2. Già! L'ho sempre detto: il nome del personaggio che compriamo in edicola ogni mese non è Zagor, come tutti pensano. Il vero nome è scritto nelle copertine in basso a stampatello... :-)

      Elimina
    3. Giustissimo, Marco! Anche graficamente il volto di Zagor è quello di Ferri da giovane!

      Francesco Manetti

      Elimina
  3. Questo enorme lavoro realizzato da Ferri nella sua carriera meriterebbe di essere studiato nelle scuole (per inciso, compresi autori del Fumetto più in generale), come si fa, nelle antologie, per letterati e romanzieri.

    RispondiElimina
  4. Sangalli per Braccio di Ferro ha realizzato quasi 2000 copertine e circa 100 tavole al mese.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli autori della scuderia Bianconi erano dei velocisti assoluti e realizzavano storie comunque pregevoli, in quanto a sceneggiature, soggetti (Motta) e disegni. Pierluigi Sangalli, classe 1938, è uno dei creatori di Geppo, al quale lavorò dal 1960 al 1996. Portò avanti il Braccio di Ferro made in Italy (come scrive il nostro lettore P. Alexis che ringraziamo per la segnalazione) dal 1963 al 1998. E poi Provolino (il pupazzo televisivo di Raffaele Pisu), la versione italiana di Felix, etc. E' stato davvero un grande!

      Francesco Manetti

      Elimina
  5. Immagino che Ferri sia quindi il più prolifico disegnatore Bonelli in assoluto, giusto?
    Complimenti al Maestro!

    Marco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, come si ricorda nel post, Ferri è il secondo più prolifico disegnatore dopo Gamba, che lo supera di circa 1300 tavole, ma è colui che ha dedicato più tavole a un singolo personaggio.

      Saverio Ceri

      Elimina
  6. Proverei anche con Chester Gould ed il suo Dick Tracy disegnato ininterrottamente dal 1931 al 1977, ma solo a provare a far qualche calcolo mi viene il mal di testa! :-)
    Stiamo comunque parlando di grandissimi e il "nostro" Ferri è tra questi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avevo pensato anch'io a qualche mostro sacro delle strisce, tipo Schulz con i suoi cinquant'anni ininterrotti di Peanuts, ma anche contando tutte le strisce e le tavole domenicali si arriva alla metà delle tavole realizzate da Ferri per Zagor.

      Saverio Ceri

      Elimina
    2. QuIndi, a meno di clamorose smentite, Ferri è il primatista mondiale di tavole dedicate ad un unico personaggio! Stupefacente!

      Elimina
    3. Ci sono buone possibilità che sia così, ma non abbiamo la certezza. Bisognerebbe conoscere bene le produzioni sudamericane, coreane, giapponesi e di qualche altra parte del mondo per affermarlo definitivamente. Speravo che qualcuno esperto in tal senso si facesse vivo per confermare o smentire, ma non è stato così. In ogni caso è il record bonelliano.

      Saverio Ceri

      Elimina

I testi e i fumetti di nostra produzione apparsi su Dime Web possono essere pubblicati anche altrove, con la raccomandazione di citare SEMPRE la fonte e gli autori!

Le immagini dei post sono inserite ai soli fini di documentazione, archivio, studio e identificazione e sono Copyright © degli aventi diritto.

Fino al 4 gennaio 2017 tutti i commenti, anche i più critici e anche quelli anonimi, venivano pubblicati AUTOMATICAMENTE: quelli non consoni venivano rimossi solo a posteriori. Speravamo e contavamo, infatti, nella civiltà dei cultori di fumetti, libri, cinema, cartooning, etc.

Poi è arrivato un tale che, facendosi scudo dell'anonimato, ha inviato svariati sfoghi pieni di gravi offese ai due redattori di Dime Web, alla loro integrità morale e alle loro madri...

Abbiamo dunque deciso di moderare in anticipo i vostri commenti e pertanto verranno cestinati:

1) quelli offensivi verso chiunque
2) quelli anonimi

Gli altri verranno pubblicati TUTTI.

Le critiche, anzi, sono ben accette e a ogni segnalazione di errori verrà dato il giusto risalto, procedendo a correzioni e rettifiche.

Grazie!

Saverio Ceri & Francesco Manetti