mercoledì 11 aprile 2018

SECRET ORIGINS: TEX CLASSIC 30

di Saverio Ceri

Bentrovati all'appuntamento quattordicinale con la riscoperta delle copertine vintage di Tex che fanno da riferimento per le cover della collana Classic. Dopo alcuni numeri "fuori dalle regole" siamo ormai rientrati con questo trentesimo albo nei binari che avevano caratterizzato la prima annata della collana, ovvero la scelta della copertina  cade sempre su uno dei due numeri della collana Albo d'Oro ristampati nel volumetto in questione.
Partiamo dall'origine: I sei albi riproposti in questo Tex Classic sono quelli che vanno dal 7° al 12° della quarta serie a striscia del personaggio pubblicati tra il febbraio e il marzo del 1952. Dopo una prima "ristampa" sulle raccoltine nel 1953, gli episodi furono nuovamente editi in formato "bonelliano" sul 3° e 4° numero della seconda serie degli Albi d'Oro nel novembre del 1954. L'immagine scelta per il trentesimo Classic è quella apparsa sulla cover dell'Albo d'Oro n°4.
Qui sotto in sequenza trovate la copertina di questo 2018 a confronto con quella del 1954.




L'edizione recente si segnala per la scomparsa di un personaggio (che avendo tirato le cuoia nel 1954, giustamente non si è ripresentato per il remake attuale), e per la censura, ahimè tardiva, delle falliche rocce che fanno da sfondo alla vicenda. Battute a parte, l'assenza più significativa è quella di Tex: oggi sulla serie regolare non sarebbe concepibile una cover senza l'eroe principale, ma allora, come anche in questa ristampa, evidentemente la cosa era, ed è, tollerabile. Certo il logo che campeggia nella parte superiore del Classic non lascia adito a dubbi su chi sia il protagonista dell'albo. 
Come sovente accade, però, la copertina che ci da più soddisfazione per questa rubrica è quella scartata, ovvero quella del terzo Albo d'Oro della seconda serie. Anche in questo caso non c'è Aquila della Notte, ma le sue veci vengono fatte dal figlio Kit, per il quale in quegli anni si ipotizzava anche una fulgida carriera editoriale in sostituzione del padre, sulla scia di personaggi adolescenti come il Piccolo Sceriffo o Capitan Miki. In realtà poi il protagonista della collana rimase Tex, e Piccolo Falco si ritagliò un ruolo di comprimario al fianco di Tiger Jack e di Kit Carson.  

A dimostrazione della rinnovata fiducia a Tex, quando nel 1962 si decise di riutilizzare l'immagine per farne la copertina del venticinquesimo albo della serie attuale, Franco Bignotti redazionalmente sostituì il giovane Kit con il più famoso padre.


In occasione poi della ristampa degli Anni Ottanta, Tutto Tex, Galep si prese la briga di ridisegnare lo stesso Tex, unico elemento non suo di quella copertina.


Per finire nella versione 1998, quella di Tex Nuova Ristampa, finalmente Tex ritrova i suoi pantaloni blu ufficiali, dopo aver indossato per oltre quarant'anni quelli verdi ereditati da Kit, che li indossava nella prima versione della cover.


Divertitevi come sempre a scoprire le altre grandi e piccole differenze delle varie incarnazioni di questa cover.

Saverio Ceri



Trovate tutte le altre origini delle copertine di Tex Classic alla pagina Cronologie & Index!

Nessun commento:

Posta un commento

I testi e i fumetti di nostra produzione apparsi su Dime Web possono essere pubblicati anche altrove, con la raccomandazione di citare SEMPRE la fonte e gli autori!

Le immagini dei post sono inserite ai soli fini di documentazione, archivio, studio e identificazione e sono Copyright © degli aventi diritto.

Fino al 4 gennaio 2017 tutti i commenti, anche i più critici e anche quelli anonimi, venivano pubblicati AUTOMATICAMENTE: quelli non consoni venivano rimossi solo a posteriori. Speravamo e contavamo, infatti, nella civiltà dei cultori di fumetti, libri, cinema, cartooning, etc.

Poi è arrivato un tale che, facendosi scudo dell'anonimato, ha inviato svariati sfoghi pieni di gravi offese ai due redattori di Dime Web, alla loro integrità morale e alle loro madri...

Abbiamo dunque deciso di moderare in anticipo i vostri commenti e pertanto verranno cestinati:

1) quelli offensivi verso chiunque
2) quelli anonimi

Gli altri verranno pubblicati TUTTI.

Le critiche, anzi, sono ben accette e a ogni segnalazione di errori verrà dato il giusto risalto, procedendo a correzioni e rettifiche.

Grazie!

Saverio Ceri & Francesco Manetti