venerdì 4 gennaio 2019

SECRET ORIGINS: TEX CLASSIC 47

di Saverio Ceri

Puntata decisamente più densa, rispetto alla precedente, quella dedicata a questo 47° classic.
Come sempre alcune informazioni sugli albi ristampati: Si tratta delle sei strisce che vanno dalla 39 alla 44 della serie verde della Collana del Tex, pubblicate originariamente tra il febbraio e il marzo del 1954, e riproposte per la prima volta nel formato attuale sui numeri 3 e 4 della collana quindicinale Albo d'Oro dell'aprile 1956.
La cover scelta stavolta è quella del numero 3, qui sotto la trovate subito a ruota di quella del recente classic.



Da notare la scomparsa della bottiglia sul tavolo.
La vicenda di Tex impegnato nella rissa, che non è certo una novità in copertina - l'abbiamo già vista anche su questa collana, deriva dalla striscia dall'emblematico titolo Tex entra in azione, la seconda delle tre ristampata in quell'Albo d'Oro quindicinale.


La puntata poteva anche chiudersi qui, se non che scopriamo, come spesso accade per questa collana di ristampe, che la redazione ha scelto come copertina l'immagine meno conosciuta tra quelle papabili; molto probabilmente perché vedere un'illustrazione del ranger utilizzata  solo una volta, oltre sessant'anni or sono, per la maggior parte dei lettori è quasi come vedere un disegno inedito. L'immagine scartata effettivamente ci da più soddisfazioni, ai fini di questa rubrica, rispetto ma quella scelta. La vicenda narrata in questa immagine è quella in cui Il "vecchio cammello" ci fa vedere come si possa sparare ad un avversario da una posizione alquanto scomoda, facendosi scudo con un cavallo. Scopriamone insieme l'origine.
La funambolica scena è stata disegnata per la prima volta nella quindicesima striscia del numero 43 della serie verde della collana del Tex.

La scena è talmente d'impatto che si guadagna anche la copertina dell'albetto a striscia, dal titolo Kit Carson entra in giuoco. Visto che siamo in copertina bisogna vestirsi bene, quindi: pantaloni rossi, giacca sfrangiata gialla e un bel cappello verde. Anche l'avversario, noto elegantone, aveva scelto più o meno gli stessi colori, ma è risultato un bersaglio troppo facile e ha avuto la peggio.


Ripetendo la scena con colori completamente diversi, in occasione della raccoltina 33 della serie rossa, il risultato non cambia.


In occasione della ristampa dell'avventura sugli albi d'oro si cambia: il titolo perde una "u"; Kit Carson indossa nuovi pantaloni e usa una giacca bicolore (l'avrà rubata al figlioccio, Kit Willer?) e spara con la mano destra, che evidentemente da quella posizione funziona peggio, tant'è che il suo avversario, pure stavolta abbigliato con colori sgargianti, rimane vivo.

"Vabbè, proviamo con l'eroe principale, magari andrà meglio", avranno pensato in redazione. Così in occasione della pubblicazione del 36° numero della seconda serie gigante del personaggio, la vicenda viene rispolverata. Per facilitare la visibilità dell'avversario a entrambi i contendenti si decide di dare un cavallo bianco a Tex e di dipingere di bianco l'edificio alle spalle dell'elegantone di cui sopra, ma il risultato è il solito: nulla di fatto. 


Si provano quindi a cambiare i colori sia nell'edizione del 1987 che in quella del 1997, ma senza ottenere  risultati apprezzabili.



Infine, nel 2007, arriva Claudio Villa che intuisce che bisogna riportare tutto all'origine e in occasione della Collezione Storica di repubblica, realizza la cover dell'11° volume proprio con la stessa inquadratura della vignetta iniziale: Torna Kit,  spara con la mano sinistra, e fa centro! 



Saverio Ceri


N.B. Trovate i link alle altre Secret Origins in Cronologie & Index!








Nessun commento:

Posta un commento

I testi e i fumetti di nostra produzione apparsi su Dime Web possono essere pubblicati anche altrove, con la raccomandazione di citare SEMPRE la fonte e gli autori!

Le immagini dei post sono inserite ai soli fini di documentazione, archivio, studio e identificazione e sono Copyright © degli aventi diritto.

Fino al 4 gennaio 2017 tutti i commenti, anche i più critici e anche quelli anonimi, venivano pubblicati AUTOMATICAMENTE: quelli non consoni venivano rimossi solo a posteriori. Speravamo e contavamo, infatti, nella civiltà dei cultori di fumetti, libri, cinema, cartooning, etc.

Poi è arrivato un tale che, facendosi scudo dell'anonimato, ha inviato svariati sfoghi pieni di gravi offese ai due redattori di Dime Web, alla loro integrità morale e alle loro madri...

Abbiamo dunque deciso di moderare in anticipo i vostri commenti e pertanto verranno cestinati:

1) quelli offensivi verso chiunque
2) quelli anonimi

Gli altri verranno pubblicati TUTTI.

Le critiche, anzi, sono ben accette e a ogni segnalazione di errori verrà dato il giusto risalto, procedendo a correzioni e rettifiche.

Grazie!

Saverio Ceri & Francesco Manetti