martedì 13 marzo 2018

SECRET ORIGINS: TEX CLASSIC 28

di Saverio Ceri
"Anno nuovo, vita nuova"; nel senso che appena entrato, Tex Classic, nel secondo anno di vita editoriale, pare che in redazione abbiano cambiato logica nella scelta delle copertine. Così come per la precedente uscita anche stavolta la cover utilizzata non si ricollega direttamente alle vicende editoriali delle storie contenute nell'albo.
Gli albi raccolti in questo Classic vanno dal numero 28 al numero 33 della terza serie a striscia del personaggio; il primo dei sei albetti dà il titolo al volumetto. Si tratta dei numeri finali della serie usciti tra il novembre 1951 e il gennaio del 1952, raccolti per la prima volta nel formato attuale nel settembre del 1954 sulla collana Albo d'Oro numeri 55 e 56, a loro volta fascicoli di chiusura della prima serie della collana.



I lettori storici di Tex conoscono bene la cover scelta: è quella utilizzata nella primavera del 1960 per la copertina del numero 8 della seconda serie gigante (ovvero la serie attuale). In occasione di questa ristampa la "telecamera" è stata allontanata per rendere l'immagine orizzontale e quindi più adatta alla grafica della recente collana texiana. 


A proposito di ristampe, qui sotto trovate le versioni della cover in questione per le serie Tutto Tex (1986) e Tex Nuova Ristampa (1996). Rispetto a queste, tutto sommato invariate nel tempo, la versione del 2018 presenta un cielo azzurro anziché giallo.  



Come sovente accadeva però in quei primi numeri di Tex, la copertina non era inedita, ma ricavata dalla cover di un edizione precedente. Questa non fa eccezione, infatti proviene, come le altre, dalla collana Tex Albo d'Oro; precisamente dal decimo numero della seconda serie. L'immagine originale, che vedete qui sotto, presenta differenze notevoli rispetto a quella più famosa di Due contro Cento: lo scontro appena concluso tra Tex e l'avversario si sposta dal deserto infuocato, all'interno di un bizzarro locale dalle prospettive impossibili.


Se volessimo soffermarci sul piede destro di Tex e cercare di capire se sia o meno compenetrato col terreno, per esempio, potremmo ricorrere all'albo "Sunset Ranch", 150° della collana attuale, che ha la curiosa caratteristica di riproporre nel 1973 quasi la stessa identica posizione di Tex ma specchiata. 




Il dubbio rimarrebbe: il piede in questione, nel frattempo divenuto sinistro, rimane ancora una volta coperto. Nelle edizioni successive in compenso appare uno sfondo; come scoprirete guardando qui sotto, in sequenza, tutte le cover delle varie edizioni di "Sunset" Ranch. 




Saverio Ceri


Trovate tutte le altre origini delle copertine di Tex Classic alla pagina Cronologie & Index!

Nessun commento:

Posta un commento

I testi e i fumetti di nostra produzione apparsi su Dime Web possono essere pubblicati anche altrove, con la raccomandazione di citare SEMPRE la fonte e gli autori!

Le immagini dei post sono inserite ai soli fini di documentazione, archivio, studio e identificazione e sono Copyright © degli aventi diritto.

Fino al 4 gennaio 2017 tutti i commenti, anche i più critici e anche quelli anonimi, venivano pubblicati AUTOMATICAMENTE: quelli non consoni venivano rimossi solo a posteriori. Speravamo e contavamo, infatti, nella civiltà dei cultori di fumetti, libri, cinema, cartooning, etc.

Poi è arrivato un tale che, facendosi scudo dell'anonimato, ha inviato svariati sfoghi pieni di gravi offese ai due redattori di Dime Web, alla loro integrità morale e alle loro madri...

Abbiamo dunque deciso di moderare in anticipo i vostri commenti e pertanto verranno cestinati:

1) quelli offensivi verso chiunque
2) quelli anonimi

Gli altri verranno pubblicati TUTTI.

Le critiche, anzi, sono ben accette e a ogni segnalazione di errori verrà dato il giusto risalto, procedendo a correzioni e rettifiche.

Grazie!

Saverio Ceri & Francesco Manetti