martedì 27 febbraio 2018

SECRET ORIGINS: TEX CLASSIC 26

di Saverio Ceri
Il Classic di questa puntata chiude il primo anno di vita editoriale della testata più recente dedicata dalla Bonelli al suo personaggio di punta. Le storie contenute in questo albo provengono direttamente dal 1951 (Collana del Tex terza serie 16-21); pubblicate originariamente a striscia, vengono rimontate nel classico formato Bonelli nel 1954 in occasione della ristampa sugli albi d'oro 51 e 52. Per la ristampa del 2018 si è scelto di utilizzare la cover del primo dei due albi d'oro e il titolo della prima striscia delle sei contenute nel volumetto. Qui sotto come sempre il confronto tra la cover d'epoca e quella odierna.




Come spesso accade però la copertina che ci da più "soddisfazioni", ai fini di questa rubrica, è quella degli Albi d'Oro scartata, in questo caso quella del numero 52. 


La cover in questione, che vedete qui sopra (ringraziamo come sempre l'encomiabile lavoro dei frequentatori del sito www.collezionismofumetti.com), è la riproposta in versione verticale della vicenda raccontata nella cover dell'ultima striscia dell'albo "Il sacrificio di Jim": il giovane kit legato a un palo che viene protetto dai corpi e dalle armi del padre e del fido Jim Brandon.  Qui sotto vedete la prima versione, utilizzata anche come copertina della tredicesima raccoltina della seconda serie, ma con titolo accorciato. Notate come il (presunto) cadavere in basso a sinistra venga "decapitato" dalla grafica in entrambe le versioni.



Questo frangente dell'avventura evidentemente secondo l'editore  faceva presa sul lettore, tanto che viene riproposto nel giro di pochi anni in una terza versione sulla copertina di Tex Gigante prima serie n°6: qui Tex è ancora più spavaldo, quasi in posa, con le sue pistole fumanti in difesa del figlioletto, spalleggiato dall'amico giubba rossa, che decisamente appare in gran forma, rispetto alla "prima stesura". Notare anche come, nell'evoluzione da striscia a albo spillato a brossurato, il giovane Kit, passa da impaurito ragazzino "spennato" a impavido ragazzino con un paio di piume in capo, a fiero indianino con un copricapo da fare invidia a un capo tribù.


Quest'ultima stesura infine, ha avuto un'ulteriore evoluzione in qualcosa di totalmente diverso. Nell'estate del 1963, venne utilizzata, con notevoli ritocchi, come cover de La valle tragica, trentatreesimo albo della serie attuale di Tex. Il protagonista lascia le pistole per impugnare la bandiera del reggimento, non senza essersi cambiato prima la camicia, i pantaloni e il cappello, la giubba rossa si trasforma in un soldato americano e, come per magia, il fiero indianino con tutte le sue piume, scompare.
Divertitevi come sempre a trovare le differenza tra le copertine delle varie edizioni successive dell'albo.




Saverio Ceri

Trovate tutte le altre origini delle copertine di Tex Classic alla pagina Cronologie & Index!

Nessun commento:

Posta un commento

I testi e i fumetti di nostra produzione apparsi su Dime Web possono essere pubblicati anche altrove, con la raccomandazione di citare SEMPRE la fonte e gli autori!

Le immagini dei post sono inserite ai soli fini di documentazione, archivio, studio e identificazione e sono Copyright © degli aventi diritto.

Fino al 4 gennaio 2017 tutti i commenti, anche i più critici e anche quelli anonimi, venivano pubblicati AUTOMATICAMENTE: quelli non consoni venivano rimossi solo a posteriori. Speravamo e contavamo, infatti, nella civiltà dei cultori di fumetti, libri, cinema, cartooning, etc.

Poi è arrivato un tale che, facendosi scudo dell'anonimato, ha inviato svariati sfoghi pieni di gravi offese ai due redattori di Dime Web, alla loro integrità morale e alle loro madri...

Abbiamo dunque deciso di moderare in anticipo i vostri commenti e pertanto verranno cestinati:

1) quelli offensivi verso chiunque
2) quelli anonimi

Gli altri verranno pubblicati TUTTI.

Le critiche, anzi, sono ben accette e a ogni segnalazione di errori verrà dato il giusto risalto, procedendo a correzioni e rettifiche.

Grazie!

Saverio Ceri & Francesco Manetti