domenica 22 novembre 2015

THE DARK SIDE OF TEX! "M", VII PARTE: "MEFISTO" (5a), ULTIMO ATTO!

di Massimo Capalbo 

Ci eravamo lasciati poco prima del Ferragosto 2015 con il nostro The Dark Side of Tex... Massimo Capalbo ha, nel frattempo, continuato a lavorare agli altri due nostri dizionari bonelliani - l'Atlante di Mister No e Zagor Monsters - lanciando contemporaneamente la rubrica umoristica Il titolo venuto dall'impossibile. Iniziata nel maggio 2015, arriva a conclusione, con la quinta parte della voce (corrispondente alla settima parte della lettera "M"), la lunga trattazione del fondamentale personaggio di Mefisto, che più di ogni altro ha inciso sul versante "horror" delle avventure di Aquila della Notte. Come al solito: le illustrazioni di corredo sono tatte tutte selezionate dallo stesso Max, salvo le prime tre, scelte in Rete dalla redazione (per le quali vi invitiamo a segnalarci eventuali errori). Buona lettura e tanti brividi! (s.c. & f.m.)

Disegno di Marcello, dal Tex Willer Forum


LEGENDA
  • I nomi in stampatello e grassetto rimandano a una voce dell’opera. Fanno eccezione i nomi del protagonista della serie, TEX, e quelli dei suoi pards – KIT CARSONTIGER JACKKIT WILLER - che sono sempre scritti in questo modo, tranne quando sono inseriti nei crediti di una storia o fanno parte del titolo di un libro (ad esempio: Atlante di Tex). 
  • Con l’unica eccezione di TÉNÈBRES, RAPHAEL, i personaggi dalla doppia identità sono stati indicati con la loro identità fittizia piuttosto che con il nome vero (ad es.:TAGLIATORE DI TESTE invece che BARRERA, JUANSVENTRATORE invece che BARLOW, SALLY).
  • Alcuni personaggi sono stati indicati con il soprannome piuttosto che con il nome vero (ad es.: COLORADO BELLE invece che MORROW, ALICEEL MORISCO invece che JAMAL, AHMED). Riguardo al citato EL MORISCO, la voce a lui dedicata è stata inserita sotto l’iniziale del soprannome vero e proprio – quindi la M -, invece che sotto la E, cioè l’iniziale dell’articolo. 
Per quanto riguarda la serie regolare, il titolo attribuito a ciascuna storia è tratto da uno degli albi che la compongono ed è quello, a nostro avviso, più rappresentativo, quello che meglio sintetizza la trama o che, rispetto ai titoli degli altri albi, richiama la storia alla memoria dei lettori in modo più efficace (anche se, in alcuni casi, il nostrotitolo non coincide con quello usato abitualmente dai lettori). Ad esempio, la storia dei nn. 265-268 viene indicata con il titolo del n. 267, Tex contro Yama, perché esso è, per l’appunto, più rappresentativo rispetto a L’ombra di Mefisto (n. 265), La strega (n. 266) e I Figli del Sole (n. 268).

L'evocativo disegno di Francesco Conte. Dal Tex Willer Forum

Nota sui collegamenti ipertestuali

The Dark Side of Tex è un "lavoro in corso" che si svilupperà nei prossimi mesi, abbracciando numerosi post - uno per ogni lettera dell'alfabeto - fino ad arrivare alla conclusione. I collegamenti ipertestuali fra le varie voci non saranno dunque possibili tutti e subito... e vi spieghiamo subito perché! Collegheremo con link diretti ogni riferimento ad altre voci dell'opera partendo necessariamente dalle voci già apparse. Ci preme dunque ribadire e sottolineare che, non essendo possibile creare link a post futuri, ricostruiremo tutti i link a ritroso solo quando sarà possibile. I link saranno però sempre e soltanto fra URL diverse e non all'interno di uno stesso post. Vorrete perdonarci (e segnalarci!) eventuali errori e omissioni! I link - essendo come abbiamo detto sopra fra URL diverse - porteranno sempre e comunque all'inizio di un altro post e non esattamente alla voce di riferimento. Per facilitare fin dall'inizio l'uso dell'opera, abbiamo creato una pagina apposita di collegamenti alle varie voci, alla quale potete accedere dovunque siate, andando sotto al logo Dime Web: anche in questo caso il link vi porterà al post giusto, scorrendo il quale troverete in un attimo la voce cercata!


Edzione francese di Tex (1999)



M7
MEFISTO (parte V)

 
MEFISTO (parte V)

A distanza di vent’anni dalla pubblicazione di Tex contro Yama (1982), esce in edicola Mefisto! (C. Nizzi [sog.&scen.] – C. Villa [dis.], nn. 501-504), probabilmente la storia texiana più attesa di sempre. Essa vede non solo il ritorno – in carne e ossa – del negromante, ma anche quello della sorella Lily, la quale, dopo aver trascorso alcuni anni in prigione, ha sposato il facoltoso conte Boris Leonov (conosciuto a New Orleans) e si è trasferita con lui a Parigi. All’inizio dell’avventura, Lily e suo marito si recano nella villa del principe Bolkonsky per partecipare a una seduta spiritica presieduta da un potente medium indù chiamato Narbas. Poiché da trent’anni non ha più notizie di suo fratello e quindi non sa se egli sia vivo o morto, Lily chiede al medium di evocare lo spirito di Mefisto.

Tex n. 501, luglio 2002. Disegno di Villa

Evocato da Narbas, Mefisto spiega alla sorella Lily la sua poco invidiabile condizione - TEX 501, p. 20

L'inquietante sogno premonitore di Nuvola Rossa - TEX 501, p. 43
 
Dopo un primo tentativo infruttuoso, Narbas riesce a far materializzare nella sua sfera magica l’inquietante volto del negromante, il quale rivela alla sorella che il suo corpo è morto, ma il suo spirito è tenuto in vita dall’odio inestinguibile verso un comune nemico: TEX WILLER. E’ lui – dice Mefisto a Lily - che tiene accesa la fiamma del mio spirito. E’ l’odio per lui che impedisce al mio spirito di oltrepassare i cancelli dei sette inferni e di sprofondare nel regno delle ombre perenni. All’improvviso, il contatto s’interrompe: la corrente d’odio proveniente dallo spirito di Mefisto è così forte, infatti, da svuotare le energie di Narbas, facendogli perdere i sensi. Soccorso dai suoi assistenti, Narbas rinviene e dice a Lily e al marito Boris di voler riprendere appena possibile il contatto con il negromante. Sono gli spiriti irriducibili come il suo – spiega ai due il mago indù - quelli che, trovandosi ancora al di qua delle Sette Porte Nere, possono presentare le maggiori probabilità di essere riportati alla vita… Il richiamo in vita di uno spirito trapassato è il grande sogno di ogni medium, capite? E io voglio tentare la grande prova, che per me sarebbe la prima del genere. Una settimana dopo, Narbas dà appuntamento alla coppia in una casa di un quartiere malfamato di Parigi. Qui il medium evoca nuovamente lo spirito di Mefisto, che compare all’interno di un grande specchio nero. Ti rivolgo una sola domanda, Steve… vorresti ritornare alla vita?, chiede Lily a suo fratello.

Nel tempio sotterraneo, lo spirito di Mefisto ingaggia una lotta con quello di Narbas - TEX 501, p. 112

Tex n. 502, agosto 2002. Disegno di Villa


Oh sì, lo vorrei con tutte le mie forze! - risponde costui – Lo vorrei per potermi vendicare dell'uomo che è stato il genio malefico della mia esistenza… …dell'uomo che mi ha sempre fatto mordere l'amaro frutto della sconfitta! Solo per poter soddisfare la mia implacabile sete di vendetta vorrei con tutte le mie forze tornare nel mondo dei viventi!. Desiderosa anch'essa di vendicarsi di TEX, Lily dice a Mefisto che Narbas è in grado, forse, di riportarlo in vita. A questo punto, il medium interviene, precisando che il difficile esperimento è possibile a una sola condizione: la presenza dei resti umani del negromante. Mefisto spiega quindi a Lily dove si trovano le sue spoglie e le fornisce il nome dell'unica persona in grado di guidarli sul luogo: la mambo LOA. La coppia non perde tempo e, il giorno dopo, parte per la Florida assieme a Narbas e ai suoi assistenti. Giunti a Tampa, Lily e Boris contattano LOA, la quale accompagna loro e i tre indù nei sotterranei del castello di BARON SAMEDI. Il corpo del negromante, ridotto ormai a uno scheletro, viene trovato nella grotta che fungeva da tempio. E' proprio qui che, tre giorni dopo, ha inizio il rito di Narbas, il quale evoca lo spirito di Mefisto, che compare nel grande specchio magico. Ti ringrazio per l'aiuto che mi stai offrendo, maestro Narbas, anche se questo ti costa un grande sforzo!, dice il negromante al medium, che comincia, poco dopo, ad avvertire dei forti dolori alla testa. Le sofferenze di Narbas si fanno sempre più acute, ma Mefisto lo incita a resistere ed a continuare il rito. Non resisto più! Devo interrompere il contatto o questi dolori mi uccideranno!, urla il medium.

Ritornato in vita, il negromante riabbraccia Lily - TEX 502, p. 11

Nei sotterranei del Belle France, Mefisto si traveste da dottor Parker - TEX 502, p. 31

Uno degli spettacolari prodigi compiuti da Mefisto - TEX 502, p. 43


Troppo tardi, Narbas! – esclama MefistoOrmai il mio spirito ha catturato il tuo e lo tiene prigioniero! […] Ormai sono in vista del passaggio tra il mio mondo e il tuo… e non intendo rinunciare! Si è scatenato uno scontro tra i nostri spiriti, Narbas, e sarà il mio a trionfare!. A questo punto, accade qualcosa di straordinario: i resti mortali di Mefisto vengono risucchiati dallo specchio e il suo spirito s'impadronisce del corpo di Narbas, che acquista la fisionomia del negromante. Lo spirito del povero medium, invece, finisce nei regni oscuri al posto di Mefisto, e appare infatti nel grande specchio. Mi hai tradito, dannato Mefisto! Ho rischiato la vita per te, e questo è il tuo ringraziamento!, dice Narbas al mago, che risponde: Non fare la vittima, razza di impiastro! A te del sottoscritto non importava nulla, inseguivi la tua ambizione! Hai voluto sfidare le forze degli oscuri regni della notte e ti è andata male… beh, mi dispiace, ma tanto peggio per te!. Narbas, allora, minaccia il negromante: Ti maledico, Mefisto! Il mio spirito ti perseguiterà fino alla fine dei tempi!. Per tutta risposta, Mefisto dà un calcio alla specchio, che cade a terra frantumandosi. E con questo, tanti saluti al grande mago! Ah! Ah! Ah!, esclama Mefisto, che poi, ricorrendo ai suoi poteri, costringe alla fuga gli assistenti di Narbas, i quali volevano vendicare il loro maestro. Riabbracciata sua sorella e fatta conoscenza con il conte Leonov, il redivivo Mefisto racconta loro delle numerose sconfitte che lui e suo figlio YAMA hanno subito per mano di TEX.

I giganteschi mostri evocati dal negromante terrorizzano gli uomini della diligenza - TEX 502, p. 45

Mostrandogli un grosso ratto, Mefisto rivela a Carson quale orribile morte intende riservare a lui e agli altri pards- TEX 502, p. 93

Mefisto rivede, dopo tanti anni, il suo odiato nemico e si sente mancare - TEX 502, p. 105


Il negromante (che ha sostituito gli abiti di Narbas con una tunica confezionatagli da LOA e identica a quella indossata un tempo) è convinto che i quattro pards lo credano morto, ma si sbaglia: infatti, già un mese prima dell'arrivo di Lily e Boris in Florida, lo stregone Navajo NUVOLA ROSSA ha presagito - in seguito a un inquietante sogno, confermato poi da un rito magico - il suo ritorno, e ha subito avvisato TEX e gli altri pards. Sebbene il ranger abbia accolto con scetticismo il suo avvertimento, NUVOLA ROSSA ha consigliato ai Nostri di recuperare i bracciali magici che egli stesso aveva dato loro in occasione del secondo scontro con YAMA.
Trascorse alcune settimane dal giorno della sua incredibile resurrezione, Mefisto comincia a preparare la vendetta tanto agognata, stabilendosi in Arizona, a Phoenix, con Lily e Boris, il quale apre nella città un lussuoso saloon, La Belle France. I sotterranei del locale diventano il nuovo covo del mago, che, com'era sua abitudine, assume una seconda identità: quella del barbuto e occhialuto dottor Parker. Servendosi invece delle sue notevoli doti medianiche, Mefisto inizia ad assaltare le diligenze dirette a Phoenix, allo scopo di attirare l'attenzione dei pards. Infatti, dopo l'assalto alla terza diligenza, TEX e CARSON ricevono l'incarico di indagare al riguardo. I due giungono a Phoenix proprio quando Mefisto ha da poco attaccato una quarta diligenza, terrorizzando il postiglione e l'uomo di scorta con spaventose visioni. Nel tentativo di sfuggire ai mostri che Mefisto ha proiettato nella loro mente, i malcapitati finiscono per precipitare da un baratro, morendo sul colpo.


Tex n. 503, settembre 2002. Disegno di Villa

Mefisto fa impazzire il cowboy Randy con una terrificante visione - TEX 503, p. 10


Insospettiti dal mancato arrivo della diligenza, TEX e CARSON si recano sul posto e rimangono colpiti dalle espressioni di orrore stampate sui volti delle due vittime. Mefisto, che in quel momento li sta spiando a distanza attraverso uno specchio, scopre così che NUVOLA ROSSA ha sentito la sua presenza, ma questo non lo preoccupa più di tanto. Con l'aiuto della sorella e del cognato (i quali si sono alleati con il losco Walcott, proprietario del ranch Red Circle), il negromante mette in atto la seconda parte del suo diabolico piano, che prevede la cattura dei pards; a partire, ovviamente, da TEX e CARSON. Quest'ultimo, attirato in trappola da un’avvenente ballerina del Belle France, viene tramortito da uno scagnozzo dei coniugi Leonov e imprigionato in una cella nei sotterranei del saloon. Qui, un ghignante Mefisto, rivela a CARSON che intende farlo divorare vivo, assieme agli altri pards, da una torma di grossi TOPI: Questa è la morte che ho avuto per mano vostra, e questa stessa morte avrete per mano mia!. Il giorno dopo, come previsto dall'astuta Lily, TEX si reca al Belle France per scoprire che fine ha fatto l'amico. I complici del mago hanno già organizzato un piano per catturare il ranger, che però si dimostra un osso ben più duro di CARSON: infatti, oltre a sfuggire all'agguato che il sopracitato Walcott e i suoi cowboy gli tendono al Red Circle, il Nostro scopre - sentendo pronunciare il nome Boris da uno degli assalitori, Randy - che il loro mandante è appunto il conte Leonov.

Dopo averla osservata a lungo, Tex riconosce finalmente Lily - TEX 503, p. 37

Carson, Tiger e Kit alla mercé di Mefisto - TEX 503, p. 85

Mefisto uccide a distanza il cognato Boris Leonov - TEX 503, p. 94


A nulla serve l'intervento magico di Mefisto, il quale - per tappare la bocca a Randy, che stava per essere interrogato da TEX (Walcott, invece, è riuscito a fuggire) – fa letteralmente impazzire il cowboy attraverso una spaventosa visione. Rientrato in città, TEX porta prima il povero Randy all'ufficio dello sceriffo Brannon (che gli parla di Lily e Boris, e anche del dottor Parker), poi manda a chiamare KIT e TIGER tramite un telegramma (di cui i suoi avversari, però, vengono presto a conoscenza), dicendo loro di portare i bracciali magici di NUVOLA ROSSA. Torna quindi al Belle France per incontrare nuovamente il conte Leonov e sua moglie, i quali, all'oscuro di quanto da lui scoperto, si fingono dispiaciuti per la sparizione di CARSON. Tra Boris e Lily, è soprattutto quest'ultima a catturare l'attenzione del ranger, il quale, come era successo durante il precedente incontro, ha la sensazione di averla già conosciuta in passato. Più la guardo e più mi convinco che la faccia di questa donna non mi è nuova… - pensa TEX, osservando il volto di Lily - Ma dove posso averla conosciuta? A volte mi sembra di avere la risposta sulla lingua, poi all'ultimo momento mi sfugge… . Il Nostro continua a osservare attentamente Lily, finché, di colpo, la suddetta risposta arriva: Peste e corna! Lily Dickart, la sorella di Mefisto!. Con una scusa, TEX si congeda dai due e si dirige immediatamente verso l'ufficio dello sceriffo. La presenza di Lily a Phoenix spazza via ogni residuo dubbio del ranger sull'effettivo ritorno del suo acerrimo nemico. TEX ha ormai capito che il dottor Parker è in realtà Mefisto, e che questi si nasconde nei sotterranei del Belle France, dove CARSON viene tenuto prigioniero.

Il negromante appare a un Tex per nulla sorpreso - TEX 503, p. 97

Mefisto mostra all'incredulo Tex che anche Tiger è caduto nelle sue mani - TEX 503, p. 98


La contromossa dei suoi nemici non si fa attendere: avvisati da Boris, Walcott e i suoi uomini, tendono un agguato a KIT e TIGER: il primo viene catturato, mentre il secondo riesce a scappare e, travestitosi da pastore, giunge a Phoenix, dove prende contatto con TEX. Le mosse dei due, però, vengono spiate – sempre attraverso lo specchio magico – da Mefisto, il quale scopre subito il nascondiglio di TIGER. Pertanto, quella sera stessa, il Navajo viene catturato dagli scagnozzi di Boris e portato nella cella sotterranea del Belle France. Poco dopo, il conte riceve un messaggio dello sceriffo, il quale sostiene di aver risolto il mistero della scomparsa di CARSON e lo invita a recarsi nel suo ufficio. Si tratta, in realtà, di un'astuta trappola ideata da TEX: il Nostro, infatti, ha raccontato a Brannon e al suo vice Moran tutta la verità sul conto del dottor Parker e dei coniugi Leonov, ma dato che i due sono rimasti scettici, ha proposto loro di convocare con una scusa Boris, in modo che egli possa strappargli una confessione. TEX, inoltre, ha detto a Brannon e Moran di nascondersi dietro una porta e ascoltare da lì la conversazione. Ignaro di tutto ciò, Boris va dallo sceriffo, ma, entrato nell'ufficio, si sorprende nel trovare nessun altro all'infuori di TEX. Il ranger mette subito le carte in tavola e, puntandogli la pistola contro, dice al conte (che ha cercato invano di minacciarlo con il suo bastone animato): Vi do mezzo minuto di tempo per dare la stura alla vostra confessione… Voglio conoscere ogni dettaglio che mi permetta di liberare il mio ragazzo!. Il confronto tra i due è seguito, attraverso lo specchio magico, anche da Mefisto e Lily, la quale, quando si accorge che Boris sta per cedere, chiede al fratello di ucciderlo.

Evocati da Mefisto, i demoni della follia attaccano Tex - TEX 503, p. 105

 
Tex n. 504, ottobre 2002. Disegno di Villa

Mefisto cade nell'inganno di Tex, che finge di essere impazzito - TEX 504, p. 13


Mefisto l'accontenta, facendo apparire davanti al cognato due mostruosi serpenti che gli si avvolgono attorno al corpo fino a soffocarlo. Fiamme d'inferno! Questa è una diavoleria di Mefisto!, esclama TEX, esaminando il cadavere del conte Leonov. Hai indovinato, maledetto cane rognoso!, risponde Mefisto, dopo aver emesso una diabolica risata. Ma guarda chi c'è… il vecchio pazzoide!, dice TEX al negromante, la cui immagine si materializza di fronte ai suoi occhi. Mefisto mostra all'incredulo ranger che anche TIGER è caduto nelle sue mani e, dopo avergli spiegato come ha fatto a tornare dalla morte, fa apparire delle spaventose creature – i demoni della follia - che si lanciano contro il Nostro. Lo scopo di Mefisto è far impazzire TEX dal terrore, ma il ranger, grazie al bracciale di NUVOLA ROSSA, riesce a respingere le mostruose entità. A questo punto, Mefisto tenta di sconvolgere la mente del Nostro, fissandolo negli occhi: Capisci che adesso devi obbedire…vero, Tex?! Ora tu hai imparato chi è il padrone e chi il servo, fra noi due!. Non potendo contrastare il satanico sguardo di Mefisto, TEX decide di giocare d'astuzia e comincia a ridere come un folle. Finalmente! I suoi nervi sono crollati… - pensa il negromante, per poi dire al ranger: Rimani dove sei, capito? Tra poco verrò a prenderti e ti condurrò dai tuoi tre pards!. Scomparsa l'immagine di Mefisto, l'efficace commedia di TEX ha termine e il Nostro decide di passare al contrattacco, irrompendo, con Brannon e Moran, nel Belle France. Malgrado la sorpresa, Lily fa in tempo a scappare nei sotterranei e ad avvisare Mefisto, che, travestito da dottor Parker, fugge via a cavallo, non prima però di aver liberato i TOPI.

Tex e lo sceriffo di Phoenix fanno irruzione nel Belle France - TEX 504, p. 17

Avvisato da Lily, Mefisto fugge… - TEX 504, p. 34


Mentre TEX, fatta irruzione nei sotterranei e consegnata Lily allo sceriffo, si mette a cercare, assieme a Moran, la prigione dove sono rinchiusi i pards; i voraci roditori salgono sui corpi immobilizzati di questi ultimi, i quali – avendo capito che il ranger è nei paraggi - si mettono a gridare tutti insieme per farsi sentire. Udite le loro grida, TEX trova finalmente la cella e, allontanati i ratti con una torcia, libera i compagni. Il ranger – che ha detto a Brannon di stampare degli avvisi di taglia su Mefisto/Parker - racconta quindi ai pards del suo scontro con il negromante. Alcuni giorni dopo, non essendoci novità sulle ricerche di Mefisto, i Nostri riprendono la strada per la riserva Navajo. Lungo il percorso, attirati da uno scampanellio, TEX e compagni si fermano per aiutare un vecchio frate lebbroso, il cui carro ha una ruota fuori uso. Il frate è in realtà Mefisto, ma, sotto il pesante trucco, il suo volto risulta del tutto irriconoscibile. Andate pure, cani rognosi! Ci rivedremo presto!, pensa il negromante quando gli ignari pards, riparato il carro, si rimettono in viaggio. Infatti, tre giorni dopo, nei pressi della riserva, TEX e compagni vedono nuovamente, a poca distanza da loro, il frate lebbroso con il suo carro. Incuriositi, i quattro vanno subito a controllare se si tratta dello stesso frate di prima; giunti sul posto, però, lo strano personaggio scompare e dal suolo si solleva un vortice di sabbia, accompagnato da un suono di campanelli. Nel vortice si materializza la figura del frate, che si trasforma ben presto in quella del negromante. Dannazione… Mefisto! Il vecchio frate era Mefisto e noi lo abbiamo anche aiutato ad aggiustare il carro!, esclama TEX.


ma prima di lasciare il suo covo, libera i topi. L'intervento di Tex, però, impedirà a questi ultimi di divorare vivi i suoi pards - TEX 504, p. 37

Tex consegna la diabolica Lily allo sceriffo - TEX 504, p. 38

I quattro pards non riconoscono Mefisto, travestitosi da frate lebbroso – TEX 504, p. 34

Non potete combattere contro di me, miserabili cani rognosi! – dice loro Mefisto - Questa volta avete riportato un'effimera vittoria, ma nella battaglia finale sarò io a trionfare! Un giorno tornerò, cani maledetti! E quel giorno sarà la vostra fine! Tornerò… tornerò… tornerò… . Pronunciate queste minacciose parole, il negromante scompare, il carro pure e la tempesta di sabbia cessa di colpo. Un altro scherzo di quel dannatissimo stregone! Speravo che ci concedesse un periodo di tregua e invece ha già ricominciato a tormentarci., commenta CARSON. Non esagerare, vecchio gufo! Si è solo esibito in un paio dei suoi trucchetti. Su, rimettiamoci in cammino e stiamo allegri!, gli risponde TEX, che infine aggiunge: Ricordatevi sempre che Mefisto non può colpirci a distanza e, se dovesse commettere l'errore di capitare a tiro delle nostre colt, nessuna magia al mondo potrebbe impedirgli di trasformarsi in cibo per vermi!.
Malgrado presenti non pochi difetti (per esempio: il finale affrettato; la comicità involontaria della scena del finto impazzimento di TEX; l'incongruenza dei bracciali magici, che in realtà erano stati distrutti dal figlio di Mefisto ne Il ritorno di Yama) e sia inferiore alle precedenti avventure mefistiane, quella di Nizzi e Villa resta comunque una buona storia. I suoi principali punti di forza sono senza dubbio gli strepitosi disegni e la presenza dell'indimenticata Lily Dickart. Riguardo ai primi, diciamo subito che il Mefisto di Villa non ha nulla da invidiare a quello del miglior Galep; anzi: secondo noi, è ancora più inquietante. Colpiscono, in modo particolare, gli occhi del mago: due globi luciferini da cui traspare tutta la malvagità del personaggio e tutto l'odio che nutre per TEX.

Tex e compagni scoprono lo scherzetto che il negromante ha giocato loro - TEX 504, p. 37

Prima di scomparire, Mefisto minaccia vendetta - TEX 504, p. 38

La bravura del disegnatore comasco è evidente anche nelle sequenze in cui Mefisto fa ricorso ai suoi poteri medianici: basti solo pensare alla scena dell'assalto alla diligenza, dove spiccano la vignetta in cui il negromante quadruplica la sua immagine e la successiva apparizione dei mostri, bestie colossali il cui aspetto è visibilmente ispirato a quello dei tirannosauri. Davvero impeccabile, poi, la caratterizzazione dei pards e degli alleati di Mefisto, Lily in primis. Sebbene non sia più la biondona sexy L'eroe del Messico, Lily rimane una donna molto affascinante: Sei ancora così giovane e bella! – le dice infatti Mefisto nella scena della seduta spiritica – Hai forse stretto un patto con il demonio per ottenere il segreto della perenne gioventù?. Significativa, in questo senso, la vignetta del n. 501 (precisamente, la terza di p. 75), che la ritrae mentre - in una camera dell'Hotel Florida di Tampa – si accinge a togliersi il corsetto davanti al marito Boris. Va detto, inoltre, che la Lily di quest'avventura non è certo meno diabolica e cinica di quella della summenzionata storia. Lo testimonia, tra le altre cose, la scena in cui chiede a Mefisto di uccidere Boris, che TEX ha ormai messo alle strette. Ma… è tuo marito!, risponde il negromante, sorpreso da questa richiesta. E che importa? – risponde Lily - L’ho sposato per i soldi e quelli saranno miei ugualmente!. Un comportamento, il suo, da autentica vedova nera, soprattutto se si pensa che lo sventurato conte Leonov era sinceramente innamorato di lei, come dimostrano, ad esempio, le parole pronunciate da costui a p. 62 del primo albo: Non c'è niente che non farei pur di vedere felice mia moglie… .

Il Cobra, acerrimo nemico di Mandrake

Copertina di un albo di Ipnos

TEX, al contrario, sa benissimo quanto Lily sia malvagia e infida: Non siete cambiata dai tempi del Messico. Vipera eravate e vipera siete rimasta., le dice il ranger alla fine della storia, prima di consegnarla allo sceriffo Brannon. L'unica persona cui Lily vuole veramente bene è il fratello Mefisto, che ricambia il sentimento e forma con lei una coppia di villains azzeccata come poche. Speriamo, pertanto, di ritrovare anche miss Dickart nella storia, attualmente in lavorazione, che vedrà TEX affrontare ancora una volta il suo grande nemico.
Curiosità: Come abbiamo visto in questa lunghissima voce, esistono due Mefisto: quello de L’eroe del Messico, privo di reali poteri soprannaturali; e quello de Il Figlio del Fuoco e delle altre storie della saga mefistiana, che invece conosce a fondo i più reconditi segreti della magia. E’ interessante rilevare, a tale proposito, come GL abbia fatto compiere a Steve Dickart il processo inverso rispetto a quello subito da un personaggio a lui molto caro, Mandrake. Questi – scrive Graziano Frediani p. 63 del libro G. L. Bonelli – Sotto il segno dell'Avventura (Sergio Bonelli Editore, 2002) - cominciò la sua carriera con veri poteri magici e soprannaturali, ma Falk glieli tolse quasi subito, per dargli in cambio più "realistici" poteri d'illusionismo e ipnotismo (in cui era tanto bravo che la differenza non si notava…), oltre che per renderlo – e forse era questo il vero problema – meno cupo e inquietante. Trasformando invece Mefisto, da semplice prestigiatore qual era, in un temibile negromante, GL ha reso il suddetto villain assai simile all’acerrimo avversario di Mandrake: il mago chiamato Cobra, anche lui dotato di un pizzetto luciferino.


Il sacerdote egizio Anubi osserva su uno specchio magico lo svolgersi di una battaglia - Tex Nuova Ristampa 78, p. 4

 
Per conferire un'efficace espressione a Mefisto, Galep si guardava allo specchio - La storia di Tex (Domenico Denaro, Collana I classici del fumetto, 1986, p. 67)

Lo sceneggiatore milanese ha fatto inoltre confluire in Mefisto alcuni personaggi creati da egli stesso prima di TEX: l'illusionista Ipnos (1946), il tarzanide Yorga (1945) e il sacerdote egizio Anubi, affrontato dal legionario romano Andus (1938) in una storia – Anubi, il Signore delle Tenebre – disegnata da Franco Chiletto e pubblicata nel 1941 sul settimanale Il Vittorioso. Anubi, scriveva Sergio Bonelli nella posta di Tex Nuova Ristampa n. 78, ha davvero molte parentele con quel Mefisto destinato a presentarsi ben otto anni più tardi. Questo malvagio negromante […], oltre a mostrare una notevole somiglianza fisica con il succitato Mefisto, condivide con quest'ultimo gli stessi poteri, che gli permettono, fra l'altro, di vedere quanto accade a chilometri di distanza. Riguardo ai poteri magici di Mefisto, è noto che GL, al fine di caratterizzare efficacemente l'arcinemico di TEX, dovette farsi un'autentica cultura esoterica, come lui stesso raccontò nella lunga intervista pubblicata nel libro di Mauro Paganelli Gianluigi Bonelli/Aurelio Galleppini (collana L’autore e il fumetto n. 6, Editori del Grifo, Perugia 1982): Quando ho scritto “Mefisto” mi sono letto tutti i libri di magia per capire quali irrealtà ci offre questo mondo di pazzi!. Dietro i riti, le evocazioni e le formule magiche del negromante c'è quindi un ammirevole, e probabilmente faticoso, lavoro di ricerca: ecco spiegato il loro fascino e la loro forza suggestiva.
 
Il Mefisto negromante di Dante Spada - Storie da Altrove 2, p. 36

Il Mefisto vecchia maniera di Giuseppe Palumbo - Storie da Altrove 3, p. 120


Prima di concludere il discorso su Mefisto, vogliamo segnalare le interessanti citazioni contenute in due albi della serie bonelliana Storie da Altrove, spin-off di Martin Mystère. A p. 36 del secondo numero, La cosa che attende nella nebbia (C. Recagno [sog.&scen.] – Colombi e D. Spada [dis.]), gli autori omaggiano – precisamente nella seconda vignetta - il Mefisto di Tex contro Yama, assiso su un trono nel regno abissale dove il suo spirito è stato esiliato. A p. 120 del numero seguente, L’ombra che sfidò Sherlock Holmes (C. Recagno [sog.&scen.] – G. Palumbo [dis.]), viene invece omaggiato il Mefisto delle origini: nella terza vignetta, infatti, compare una locandina raffigurante il mago nel suo rosso costume di scena, accompagnato dalle parole Mephisto Master Magician.


Massimo Capalbo


N.B. Trovate i link alle altre puntate di The Dark Side of Tex sul Navigatore

2 commenti:

  1. Salve vi scrivo per ringraziarvi sentitamente di aver pubblicato la mia illustrazione di tex aquila della notte, in questo interessantissimo articolo. Solo una piccola precisazione il mio nome è Francesco Conte e non Conti come da voi riportato. Grazie comunque e cordiali saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Figurati! Grazie a te per il tuo evocativo Tex! Errore nel cognome corretto: grazie per la segnalazione!

      Francesco Manetti

      Elimina

I testi e i fumetti di nostra produzione apparsi su Dime Web possono essere pubblicati anche altrove, con la raccomandazione di citare SEMPRE la fonte e gli autori!

Le immagini dei post sono inserite ai soli fini di documentazione, archivio, studio e identificazione e sono Copyright © degli aventi diritto.

Fino al 4 gennaio 2017 tutti i commenti, anche i più critici e anche quelli anonimi, venivano pubblicati AUTOMATICAMENTE: quelli non consoni venivano rimossi solo a posteriori. Speravamo e contavamo, infatti, nella civiltà dei cultori di fumetti, libri, cinema, cartooning, etc.

Poi è arrivato un tale che, facendosi scudo dell'anonimato, ha inviato svariati sfoghi pieni di gravi offese ai due redattori di Dime Web, alla loro integrità morale e alle loro madri...

Abbiamo dunque deciso di moderare in anticipo i vostri commenti e pertanto verranno cestinati:

1) quelli offensivi verso chiunque
2) quelli anonimi

Gli altri verranno pubblicati TUTTI.

Le critiche, anzi, sono ben accette e a ogni segnalazione di errori verrà dato il giusto risalto, procedendo a correzioni e rettifiche.

Grazie!

Saverio Ceri & Francesco Manetti