giovedì 31 gennaio 2013

1989: L'INTERVISTA A GUIDO NOLITTA - VERSIONE INTEGRALE

di Francesco Manetti

La "voce" di Zagor


Nel luglio del 1989 - armati di buona volontà e di registratore portatile - Moreno Burattini, Alessandro Monti e il sottoscritto si recarono a Milano in Via Buonarroti n. 38 per intervistare Sergio Bonelli. Le cinquantuno domande e risposte furono sbobinate battendole a macchina, in quanto nessun membro dello staff di Collezionare aveva ancora a disposizione un computer. Il tutto fu successivamente rielaborato e corretto (i 51 quesiti originari sarebbero diventati 47 sul libro ultimato...) per il nascituro Speciale Zagor, previsto inizialmente per la fine dell'anno e poi "slittato" al febbraio 1990 - dopo quasi due anni di lavoro.
Abbiamo ritrovato il dattiloscritto originale e abbiamo pensato di pubblicarlo integralmente (con tanto di scandalosi errori di battuta, passaggi "delicati" e parti tagliate) su Dime Web - quindici pagine, compresa quella dedicata alle nostre considerazioni accessorie e finali. Si tratta di un documento per molti versi inedito che ci consente oggi - a quasi un quarto di secolo di distanza - di "sentire" la viva voce di Nolitta sul suo personaggio più caro, lo Spirito con la Scure! (F. M.)




Sergio Bonelli, qualche anno fa...

























Domande 1/3: la genesi del personaggio e del suo nome.


Domande 3/5: nascita di Zagor, scelta del disegnatore e ideazione della foresta di Darkwood.


Domande 5/10: esperienze nolittiane antecedenti a Zagor e genesi di Cico.

Domande 10/14: i personaggi secondari, nemici e amici (Hellingen, Ramath, Kandrax e il Vampiro).


Domande 14/19: gli altri amici di Zagor & Cico (i trapper, Digging Bill, Bat Batterton, Icaro La Plume).


Domande 19/23: il mondo di Zagor (i soldati, Fishleg e la Golden Baby, Drunky Duck, Guitar Jim, Trampy).


Domande 23/27: ancora i comprimari (Adolfo Verybad e Supermike); Zagor e le donne.


Domande 27/30: ancora su Zagor e le donne (il bacio di Frida); Nolitta e Tex; l'iniziale rifiuto dei cross-over.


Domande 30/34: ancora sugli incontri fra protagonisti di collane diverse; la macchina del tempo; i risvolti "sociali" nelle avventure di Zagor (la giustizia, il razzismo, la violenza, le armi, etc.); tragedia & commedia.


Domande 34/37: le citazioni multimediali in Zagor; il passaggio ad altri soggettisti e le "crisi" creative; la lunghezza delle storie e l'evoluzione del rapporto sceneggiatore/disegnatore.


Domande 38/39. gli altri sceneggiatori di Zagor non citati nei primi albi; perché Nolitta smise di scrivere Zagor.


Domande 39/42: Nolitta e l'abbandono delle sceneggiature zagoriane; la successione di Toninelli; la tiratura di Zagor nel 1989.



Domande 42/48: progetti su Zagor; le storie preferite di Nolitta e quelle meno apprezzate (con uno scherzoso accenno a Castelli); gli Speciali di Cico e gli Speciali di Zagor;  i lettori di Tutto Zagor.


Domande 48/51: il film su Zagor; Mister No e Zagor; perché Indian Circus era a colori.


Considerazioni finali.

9 commenti:

  1. Fortuna che il segreto ve lo siete tenuti per voi!! ;)

    RispondiElimina
  2. Fortuna che da collezionisti maniaci non buttiamo mai via niente! Ci è sembrato bello - e anche commovente - far rivivere su carta le parole del grande Sergio, così come era state pronunciate quel 5 luglio 1989. Quando - ahinoi - eravamo tutti ventenni!

    Francesco Manetti

    RispondiElimina
  3. Ho voluto condividere questa testimonianza sulla mia bacheca di Facebook e sul forum ZTN. Grazie per averla recuperata e riproposta.
    Altri tempi, altro spessore di autori, stessa nostalgia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Marco! Speriamo che questo post sia davvero interessante per tutti gli appassionati zagoriani.

      Francesco Manetti

      Elimina
  4. Mi pare di vederlo pesticciare sulla sua macchina da scrivere come un Montanelli cicciotto e riccioluto di fronte al riverbero di un tv in b/n che trasmetteva la Freccia Nera o la Domenica Sportiva. Mi sembra di vederlo sobbalzare quando Tito Stagno urla che è stato toccato il suolo lunare, poi si corregge, poi torna a confermarlo.
    Bella intervista - bravi. Mi ha colpito l'ammissione che Zag fosse bollito già negli anni in cui cadeva il Muro - nel corso del 2013 si conquisterà persino un supplemento a colori - nelle parole di un autore " colto " che fingeva di essere imbevuto solo di roba pulpeggiante. Per quello che può valere credo che sia vero sia quello che pensava SBE sia che la fiamma di Zag illuminerà Darkwood ancora per un pezzo. Le storie di Pat è compagni sono come una calda, sapida minestra onesta da sorbire quando ci si sente " tanosi " per un raffreddore che proprio non passa. Peccato che Nizzi & co non siano riusciti a fare di Raider un police procedural con un un personaggio + carismatico: adoravo la sua versione sulle cover minimaliste del primo Ramella , ma Nick ed i suoi pards non avevano lo shining, 'nuff said.
    Peccato che non vedrà Dragonero ongoing, una tonnellata di Storie, gli Orfani e quanto i suoi " figlioli " studieranno in questi anni di crisi. Io gli ho perdonato anche il NO cubitale che scrisse di traverso alla mia proposta di una miniserie intitolata DIECI PICCOLI CANZONI con un genio del male ( nome di lavoraz Decio Kanz ) che invitava su di una isola deserta le parodie di personaggi come Miki e Blek Macigno e li stecchiva cantando come Nerone mentre Roma bruciava. Avversario di Kanz ( in modalità The Tomb of Dracula di Wolfman/Colan/Palmer) il detective Nero Zagghete che ripudiava la violenza fisica , il rumore, la musica e l'umanità ( come il pachidermico invesigatore di Rex Stout che in una versione alternativa incontrerà il MM di Castelli ndr ). Pazienza.

    RispondiElimina
  5. Grazieeeeeeeeeeeee!!!!!!!!!!
    Un regalo stupendo a tutti gli zagoriani!
    Siete unici per queste cose!!!

    PS: Non ho capito solo la faccenda dell'essere tristi perché Bonelli non è superbo. Magari sono tardo io, eh, ma me la spiegate?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rispondo al tuo PS: eravamo tristi perché dovevamo tornare a casa e lasciare così presto un posto fantastico come Via Buonarroti 38!

      Francesco Manetti

      Elimina
  6. Davvero una bella intervista! ^^ Quindi il Sergione parlava di Zagor al "capolinea" come personaggio e serie e non come vendite e collana destinata alla chiusura come ho letto in giro.
    Interessante la parte sul fantasy. Evidentemente si riferiva a parte de "I sette poteri" e
    sopratutto "Incubi". Pensare che poi è venuta una storia come il secondo ritorno di Kandrax! XD
    Un nuovo ritorno di Helligen il Sergione avrebbe potuto scriverlo. Secondo me voleva scriverlo, ma poi, come successo con lo speciale di Cico, ha demandato a Sclavi. Indipendentemente dai pareri sulla storia (che a me piace) secondo me ha lasciato troppa carta bianca al Tizianone così come a Boselli nella storia di Kandrax. Boh!
    In effetti si, nell' 82 e 83 si videro solo sue tre storie di Tex oltre ai due special Cico.
    Meno male che con la risposta alla 43 (quanto ci credeva però?) prese una grossa cantonata e dopo l' addio di Toninelli per mandare avanti la collana varò assieme agli altri la nuova odissea! Il 93-98 non sarà forse al livello del 72-77, però poco ci manca! ^^
    Un po un peccato che i nuovi progetti lo abbiano assorbito. Secondo me, e non solo, un nemico ricorrente in DD l' ha suggerito lui a Sclavi che ha creato Xabaras. Come idea infatti e piuttosto classica e sempre verde! ^^ Anche MM li ha.
    Mister No ha pagato un po questo forse, ma il Sergione con questa serie voleva distaccarsi e fare una serie più anche documentaristica a tratti.

    RispondiElimina
  7. La risposta alla 38 la trovo più verosimile di quella data ai tempi sulla posta dove diceva che è perché le storie erano scritte a più mani! °_O Speriamo che non fosse così!
    Questo secondo me si è rivelato un po un autogoal perché oltre a non permettere per anni una filologia delle serie corretta (vedi "Paura nei Caraibi" di MN attribuita a Castelli invece che a Nizzi e "La vendetta di Kandrax" che è attribuita a Nicolai, ma ora ne spunta una pure di Pezzin!) non ha dato il giusto merito agli autori all' epoca per le loro belle storie.
    Riguardo le donne in effetti nella seconda metà degli anni 70 Nolitta abbondò con anche il bacio di Margie Coleman e Virginia con Zagor che sembrava più MN con quest' ultima! XD Senza dimenticare Blondie che il nostro vede addirittura come... mamma l' ha fatta e le dice che ha un fisico superbo! ^^ Poi se ne sono viste meno di presenze femminili con il nostro (Fiore di luna, l' indiana di "Soldati blu" e Lorna) fino al nuovo corso.
    Secondo me il periodo peggiore per Zagor è stato quello 92-93. Storie quasi tutte corte e nessuna memorabile anche se non malvagie, non c' era un autore principale... meno male che poi B&B hanno fatto centro! Come scritto già da altri, poteva andare a finire molto peggio!

    RispondiElimina

I testi e i fumetti di nostra produzione apparsi su Dime Web possono essere pubblicati anche altrove, con la raccomandazione di citare SEMPRE la fonte e gli autori!

Le immagini dei post sono inserite ai soli fini di documentazione, archivio, studio e identificazione e sono Copyright © degli aventi diritto.

Fino al 4 gennaio 2017 tutti i commenti, anche i più critici e anche quelli anonimi, venivano pubblicati AUTOMATICAMENTE: quelli non consoni venivano rimossi solo a posteriori. Speravamo e contavamo, infatti, nella civiltà dei cultori di fumetti, libri, cinema, cartooning, etc.

Poi è arrivato un tale che, facendosi scudo dell'anonimato, ha inviato svariati sfoghi pieni di gravi offese ai due redattori di Dime Web, alla loro integrità morale e alle loro madri...

Abbiamo dunque deciso di moderare in anticipo i vostri commenti e pertanto verranno cestinati:

1) quelli offensivi verso chiunque
2) quelli anonimi

Gli altri verranno pubblicati TUTTI.

Le critiche, anzi, sono ben accette e a ogni segnalazione di errori verrà dato il giusto risalto, procedendo a correzioni e rettifiche.

Grazie!

Saverio Ceri & Francesco Manetti